L’Urss di Stalin


Brevissimi appunti che ci hanno inviato su l’Urss di Stalin.
Sconfitte le posizioni di Troskij sull’industrializzazione forzata e della rivoluzione permanente e quella di Bucharin sull’estensione della NEP. Il sistema economico fu centrato sull’industria pesante. La guida viene presa da Stalin fautore della rivoluzione in un paese solo.

Stalin: espropriazione e collettivizzazione forzata delle terre, deportazione dei kulaki (piccoli proprietari terrieri), 1/3 della produzione allo stato. I contadini reagirono fuggendo dalle campagne, uccidendo il bestiame e diminuendo la produzione. Ci fu la più grande carestia della storia recente, morirono sei-sette milioni di contadini. Nel 1934 lo stato prelevò il 40% del raccolto, seconda servitù contadina. Industrializzazione pianificata —–> con costi sociali altissimi l’URSS riuscì a diventare una delle prime potenze industriali mondiali.
1936-38 purghe staliniane: vennero condannati a morte i capi dell’armata rossa e del partito rivoluzionario: Kamenev, Zinov’ev, Bucharin, Troskij fu ucciso nell’esilio messicano. Nel congresso del partito bolscevico del 1939 Stalin divenne despota assoluto, nuovo Ivan IV il terribile del film di Ejzenstejn.

2 Commenti


  • giorgio

    se era cosi malvagio perchè alla sua morte milioni sono andati in pellegrinaggio sulla sua tomba. La realtà che quest’uomo che ha difeso gli operai e i contadini quest’uomo morto povero è stato l’uomo più diffamato del mondo. Sciacquatevi la bocca con l’acqua di colonia prima di pronunciare il suo nome. W Giusppe Stalin


  • TDS

    Addirittura! Inneggiare a Stalin ci sembra davvero pazzesco.
    Se ritieni che ci siano argomenti in difesa di Stalin esponili liberamente. Il pellegrinaggio sulla sua tomba non ci sembra un argomento particolarmente valido…

Aggiungi un commento








Articoli correlati: