BedZed: soluzioni per la sostenibilità

Ringraziamo “Giangio” che ci ha inviato questo graditissimo articolo, attendiamo i prossimi…

Carissimissimi!

Ecco il primo di una serie di articoli che dedicherò all’evoluzione dell’uomo. ( Me la sono scelta comoda! )

Non starò a rompervi parlando del ditone opponibile o del perché le donne hanno le poppe e gli uomini no (anche se è molto interessante, leggete LA SCIMMIA NUDA di Desmond Morris http://it.wikipedia.org/wiki/Desmond_Morris è capirete il perchè di molte cosucce) vorrei parlarvi di cose che a me stanno molto a cuore e che hanno a che fare con la nostra vita e come viverla in futuro.

Guardando un video di Grillo, sono venuto a conoscenza di un posto chiamato Bedzed nella periferia di Londra dove 150.000 persone vivono in una sorta di villaggio costruito seguendo criteri tecnologici avanzatissimi. L’energia di cui hanno bisogno viene dal solare e dall’eolico, le case non hanno riscaldamento interno, grazie a coibentazioni e, serre, poste come intercapedini all’entrata della casa e dove ci sono porte- finestre, contribuiscono a mantenere costante la temperatura negli ambienti. Lucernari e oblò posti in punti specifici della casa illuminano le stanze riducendo al minimo il consumo di elettricità. Un sistema di riciclo e depurazione delle acque fa si che non si ecceda nella spreco dell’acqua e lo scarico di materiale organico viene utilizzato per il compostaggio. Tutto questo alla modica cifra di 300.000 euri a modulo abitativo (li mortè).

Questo è un esempio di come l’uomo può evolvere, niente mode ecologiste ma il saper fare e il buon senso alla base del pensiero umano.

come disse il buon Beppe al parlamento europeo: “il futuro è utilizzare il buon senso della più fine tecnologia combinato con il buon senso dell’orto”.

Sintetizzare al massimo la forza e il sapere della natura con la curiosità e l’intelligenza umana. Questo è il progresso.

vi linko il sito dove trovare maggiori informazioni su bedzed http://www.bioregional.com/what-we-do/our-work/bedzed/.

Prossimamente tenterò di approfondire al meglio alcuni concetti che spero stiano a cuore anche voi, con questo articolo volevo soddisfare l’urgenza di dirvi alcune cose.

Alla prossima!

Giangio

Aggiungi un commento








Articoli correlati: