I rapporti di forza nella coppia

In una relazione, non si instaura mai un rapporto paritario. Più questo rapporto diventa importante, più i ruoli si definiscono. Quando questi ruoli vengono disattesi, la coppia scoppia, c’è poco da fare.

Tutto dipende dal carattere delle persone: il modo di dire “Gli opposti si attraggono” non sempre funziona. Una persona troppo remissiva accanto a una persona troppo forte genera uno scompenso di equilibri, che a lungo andare può portare a una rottura definitiva.

In più, a complicare le cose ci pensano i ruoli che la società o le convinzioni impongono. Un esempio di rottura in una coppia può essere il fatto che una donna lavori e anteponga il lavoro alla famiglia.

Rinunciare al lavoro è una scelta sbagliata: parlarne con calma all’interno della coppia può essere un’ottima idea, magari con un consulente esperto che appiani i contrasti con un occhio esterno.

Quali sono gli elementi che devono destare preoccupazione?

In pubblico non deve essere una persona a parlare, ma ognuno deve parlare per sé, anche se si parla dello stesso argomento e la coppia è abbastanza unita.

Un altro elemento che deve preoccupare è il fatto che un elemento della coppia non sia in grado di decidere da sé per questioni che riguardano la coppia, per non prendersi la responsabilità con il coniuge/partner.

Naturalmente, non è detto che sia una cosa grave. Tacere questi aspetti ha già portato però, a casi molto gravi, soprattutto contro le donne. La mentalità chiusa e il completo asservimento della donna nei confronti del suo uomo genera anche l’impossibilità di uscire da quella situazione (può accadere anche il contrario, sebbene il fenomeno sia meno diffuso).

In una situazione di stallo del genere, con l’assenza del denaro sufficiente per ricostruirsi una vita, tanti sopportano in silenzio. Non è detto che sia necessario separarsi, oppure arrivare alla violenza per essere costretti a trovare una via di uscita.

In certi contesti, prevenire è meglio che curare: un confronto può essere chiarificatore ed evitare il solo nascere di queste difficoltà, che sono acuite anche dalla crisi economica e da un welfare non sempre sostenibile.

Come evitare queste situazioni sul nascere?

Per evitare queste situazioni, è importante la fase di conoscenza. Se già dall’inizio vi trovate di fronte a persone troppo possessive o troppo remissive, è importante tenere gli occhi bene aperti.

In un rapporto di forze, creare un equilibrio deve essere uno sforzo di entrambi, non di una parte sola. Non è un’operazione facile e chiedere una mano non è una vergogna.

psicologia-di-coppia

Aggiungi un commento








Articoli correlati: