“Al Lapin agile”: un quadro di Picasso ci porta nel celebre cabaret di Parigi

Se siete stati a Parigi e vi siete presi qualche giorno per visitarla con calma e scoprirne tutti gli angoli magici e suggestivi che nasconde sicuramente avrete dedicato del tempo ad ammirare Montmartre ed il luogo in cui è ambientato il quadro di Picasso “Al Lapin agile (Arlecchino con bicchiere)”. L’olio su tela di Picasso realizzato nel 1905, noto anche con il nome di “Autoritratto da Arlecchino”, è ambientato proprio nel celebre locale parigino Lapin agile che visse anni gloriosi tra la fine dell’800 ed il 1910.

Picasso - al lapin agile

Il dipinto – sicuramente non uno tra i più celebri di Pablo Picasso – raffigura il noto pittore spagnolo seduto ad un tavolo del famoso locale vestito da arlecchino con un bicchiere in mano, a fianco a lui una ragazza e sullo sfondo il gestore del Lapin agile Père Fredè (soprannome di Frederic Gerard) intento a suonare la chitarra. Fredè fu incaricato di gestire il cabaret quando nel 1900 fu comprato da Aristide Bruant, cantautore e cabarettista francese. Il quadro gli fu donato da Picasso come metodo di pagamento e lui, considerandolo di poco valore, lo rivendette nel 1912 per soli venti dollari. Se solo avesse saputo che anni dopo, nel 1989, l’opera sarebbe stato acquistata all’asta da Sotheby’s per 41 milioni di dollari sicuramente non l’avrebbe mai fatto!

Lapin Agile - André Gill

Lapin Agile – André Gill

Nel Lapin agile tutto è interessante e ricco di fascino a cominciare dalla storia del suo nome. Il locale alla sua apertura nel 1869 si chiamava “Cabaret des assasins” a causa probabilmente della quantità di dipinti appesi alle pareti raffiguranti celebri assassini (Ravaillac, Troppmann ed altri) oppure a causa di una banda di briganti che fece irruzione nel cabaret uccidendo il figlio del proprietario. Il locale deve invece il suo nome successivo ed attuale ad un disegno realizzato nel 1872 da Andrès Gill come insegna del cabaret. Il disegno rappresentava una lepre (“lapin” in francese) allegra che salta fuori da una pentola: le Lapin à Gill (la lepre di Gill) divenne poi le Lapin agile (la lepre agile) ed il nome ebbe un successone.

Il Lapin agile fu uno dei più gloriosi locali parigini frequentato da musicisti, attori, scrittori, poeti, filosofi, pittori della Parigi bohemienne che andavano lì per comporre, dipingere, divertirsi e far divertire in un tripudio di canzoni folk tradizionali, alcol e anche qualche droga. Picasso, Modigliani, Apollinaire, Utrillo (autore di vari quadri raffiguranti il Lapin agile), Toulouse-Lautrec e tanti altri artisti erano assidui frequentatori di questo intimo e suggestivo cabaret situato vicino al Sacro Cuore, nel centro artistico della Parigi di inizio ‘900.

Il locale dalle pareti rosa e dotato di pergolato antistante è tuttora presente ed attivo a Parigi per spettacoli caratteristici con un gustoso sapore retrò che, magari in una passeggiata serale, conduce ad immergersi dritti dritti nella Parigi bohemienne artistica ed affascinante. Si trova a Montmartre al numero 4 di Rue des Saules e se andate a Parigi non potete perderlo.

Aggiungi un commento








Articoli correlati: