Charles Bukowski: nelle poesie il significato di una vita

charles bukowski

A 20 anni dalla morte di Charles Bukowski abbiamo deciso di celebrarlo dando una breve occhiata al significato della sua poesia, ricca di frasi che contengono il significato di una vita.

Il 9 marzo scorso sono passati 20 anni dalla morte di Charles Bukowski, scrittore e poeta della scena americana nella metà del Novecento. Preso come punto d’ispirazione per molti scrittori che hanno abbracciato la letteratura ed esageratamente criticato da altri, Bukowski ha ispirato un certo tipo di letteratura diventandone un metro di riferimento discusso e discutibile. Descritto solitamente come un ubriaco perso, donnaiolo, incallito scommettitore e accanito fumatore (e ci siamo andati leggeri), Bukowski rappresenta senza dubbio un outsider della cultura americana e internazionale. Invece di soffermarci sulla narrativa, tra racconti e romanzi che accompagnano in una danza ora sfrenata ed esilarante ora ridicola e commovente, vogliamo parlarvi brevemente della poesia di Bukowski, forse sottovalutata per la sua struttura narrativa, libera e decisamente anticlassica.

Cosa ci raccontano le poesie e le frasi di Charles Bukowski?

Le poesie di Charles Bukowski seguono la stessa scia della sua narrativa: accompagnano la vita dello scrittore come i ciottoli vengono condotti dalla corrente del fiume a una destinazione ignota. Possono essere gentilmente accompagnati sulle rive, oppure venire travolti dalle ondate furiose fino a scendere a strapiombo alla fine del viaggio.

La poesia di Bukowski simboleggia quelle che sono le due cose più importanti della vita di un uomo: il cadere e il rialzarsi. In queste due azioni antitetiche c’è tutto: l’amore, l’odio, la violenza, il sesso, l’istinto, la sfacciataggine, l’ironia, il coraggio, la superbia e l’indifferenza.

La poesia di Bukowski racconta la caduta dell’uomo di fronte alla consapevolezza della sua esistenza e allo stesso la sua rinascita di fronte al dilagare dei sentimenti: la scrittura stessa è un atto d’amore ed è l’unica azione che per il Bukowski uomo conta, tanto da farla confluire nelle sue giornate, raccontandole, distorcendole, cercando comunque in ogni attimo, anche quello più squallido, il perduto gusto della meraviglia.

Le frasi di Charles Bukowski estrapolate dalle sue poesie (perché è di frasi che si deve parlare) sono molto ricercate da un pubblico giovane alla ricerca di emozioni forti: decadenti e stonate rispetto all’ideale di vita, rappresentano stupore e consolazione per un pubblico abituato alla poesia classica. Non è un caso che su YouTube molte poesie di Bukowski vengano recitate con tanto di musica di sottofondo e video creati artigianalmente, per mettere in risalto testi che forse non tutti abbiamo mai capito fino in fondo.

“Voglio che tu disegni come Mondrian, dice;
ma io non voglio disegnare
come Mondrian,
voglio disegnare come un passero mangiato da un gatto”
(tratto da “Buttare giù le travi”)

Aggiungi un commento








Articoli correlati: