Prestiti per studenti

In tempi di crisi anche per gli studenti la situazione non è buona. Diventa spesso molto difficile proseguire gli studi sia per le spese comunque alte che bisogna affrontare sia al liceo che all’università (libri, tasse…) ma soprattutto, per molti studenti universitari è difficile tirare a campare senza un lavoro.

Le università in “qualche modo” hanno registrato la situazione provando ad agevolare alcuni dei ragazzi in maggiore difficoltà. Esistono, credo quasi ovunque, modalità differenti di frequenza per chi ha un lavoro part time, ad esempio. In alcuni casi vengono anche concessi dei prestiti.

La pratica del prestito d’onore è molto diffusa negli Stati Uniti. Lo stesso Barack Obama ne ha fatto uso riuscendo a restituire il prestito solo dopo molti anni grazie al successo dei suoi libri. Che l’esperienza del Presidente americano sia di buon auspicio anche per noi italiani ci credo poco.

Stando a quanto ha dichiarato intesa San Paolo all’inizio di questo anno gli studenti che hanno aderito al prestito “Bridge” si sono poi dimostrati dei buoni pagatori. Le banche come sappiamo, agiscono di rado per disinteressata filantropia. .

Resta il fatto che avere un debito sin da giovani non è veramente una situazione piacevole. Anche il diritto allo studio è purtroppo legato all’economia. Questo è chiaramente uno dei disastri italiani. Vero è che le agevolazioni sulle tasse e sulle spese universitarie per gli studenti meno abbienti sono notevoli ma il punto resta che in molti non possono non lavorare

Aggiungi un commento








Articoli correlati: