Citazioni su la merce dal primo capitolo del capitale di Marx

Raccolta di citazioni riguardanti la merce tratte dal primo capitolo de “Il Capitale” di Karl Marx

“La merce è in primo luogo oggetto esterno, una cosa che mediante le sue qualità soddisfa bisogni umani di qualsiasi tipo”.

“Come valori, tutte le merci non sono che misure di tempo di lavoro coagulato”.

“Solo prodotti di lavori privati autonomi e indipendenti l’uno dall’altro stanno a confronto tra di loro come merci”.

“Le merci vengono al mondo in forma di valori d’uso o corpi di merci […] Tuttavia esse sono merci soltanto perché son qualcosa di duplice: oggetti d’uso e contemporaneamente depositari di valore. Quindi si presentano come merci oppure posseggono la forma di merci soltanto in quanto posseggono una duplice forma: la forma naturale e la forma di valore”

La merce stessa è caratteristica della società dei capitali in quanto per avere merce (def. di merce) occorre che il “lavoro umano occorso per produrre una cosa d’uso” sia rappresentato come “oggettiva qualità, cioè come […] valore” della merce.

“I prodotti del lavoro tramite questo “quid pro quo” divengono merci, cose sensibilmente sovrasensibili, ossia cose sociali”

“Una cosa può essere valore d’uso senza essere valore.[…] Una cosa può essere utile ed essere lavoro umano senza essere merce. Chi soddisfa con la propria produzione il proprio bisogno, crea sì valore d’uso, ma non merce. Per produrre merce, deve produrre non solo valore d’uso, ma valore d’uso per altri, valore d’uso sociale. E, infine, nessuna cosa può essere valore, senza essere oggetto d’uso. Se è inutile anche il lavoro contenuto in essa è inutile, non conta come lavoro e non costituisce quindi valore.”

Aggiungi un commento








Articoli correlati: