#SALTO30 “Oltre il confine”: il salone internazionale del libro di Torino 2017

Dal 18 al 22 maggio ritorna l’evento editoriale più importante d’Italia, il Salone internazionale del libro di Torino. L’appuntamento è a lingotto fiere che ospita ormai dal 1988 l’evento.

Quest’anno è la trentesima edizione, e come ogni anno già si registra un’enorme affluenza di pubblico che va in controtendenza a quello che generalmente si pensa sugli italiani e sul loro rapporto con la lettura.

#salto30 - salone internazionale del libro di torino 2017

Parecchie sono le novità che riguardo il salone, una tra tante la nuova nomina del direttore Nicola Lagioia, scrittore e vincitore del Premio Strega 2015 con il libro La Ferocia, edito da Einaudi. La grafica del manifesto di questa edizione è stata affidata a Gipi, che con grande poesia e capacità di sintesi è riuscito a rendere visivamente il titolo di questa edizione 2017: “Oltre i confini”.

Nella locandina si vede un muro col filo spinato sovrastato da una grande libro aperto rosso dove, sul dorso, una donna in piedi di spalle guarda avanti ed oltre, verso l’orizzonte infinito.
È un messaggio che rimarca l’importanza della lettura e della cultura per superare barriere che prima di tutto sono mentali e ideologiche, ma che sono anche terribilmente concrete.

Il salone dialoga quindi con la realtà circostante e con la politica, provando a mettere un ponte immaginario tra noi e gli altri, tra gli altri e noi.

Il salone internazionale come risaputo è una grande vetrina per la piccola e media editoria, e quest’anno molti sono gli editori che vi parteciperanno con il loro stand esposto al lingotto. L’aspetto commerciale c’è e ci deve stare, ma non sfugge il fatto che un evento di questo genere deve essere considerato anche un momento di aggregazione culturale importante, nel quale si impara a conoscere e a capire le nuove proposte artistiche, letterarie e culturali del nostro tempo e nondimeno deve servire al tempo stesso ad incoraggiare chi crede ancora che la lettura e la produzione di un oggetto come libro sia una sfida da accettare e portare avanti senza credere di essere fuori tempo.

Tra alcuni eventi importanti da segnalare c’è la presenza dello scrittore Daniel Pennac pronto all’incontro con il lettori sul suo nuovo libro della saga di Malaussène.
Il 2017 è anche l’anniversario della nascita di Tolkien e della pubblicazione dello Lo Hobbit, di cui il gruppo Wu Ming al salone del libro sarà incaricato di trasmetterne l’importanza agli appassionati.

Il 2017 è anche il trentennale della morte di Primo Levi, nato a Torino, e il Salone del Libro dedica a lui una serie di incontri organizzati dal Centro Studi Primo Levi nel quali verranno letti alcuni suoi scritti dai cittadini.
Molte sono le iniziative dedicati a vari argomenti. Si ricorderà inoltre la figura di Giulio Regeni tramite alcuni incontri incentrati sulla cultura letteraria araba. Uno spazio sarà dedicato all’editoria gastronomica, altri sono dedicati alle tecnologie e alle nuove forme di editoria digitale. Non mancherà uno sguardo tutto al femminile per discutere ed approfondire il tema dell’identità femminile che, come sempre, è di grande attualità ed importanza.

Hashtag ufficiale del Salone Internazionale del libro di quest’anno è #SALTO30.

Aggiungi un commento








Articoli correlati: